I FATTI DI CRONACA: INDAGINE SUI SOCIAL, COME LA SOCIETA' ITALIANA LI USA E LE TENDENZE, SECONDA PARTE ( 15 febbraio 2020)


Buonasera cari Lettori! Con l'articolo di oggi procediamo la nostra ricerca per scoprire le abitudini che gli italiani hanno con i social, una realtà ormai presente in tutto il mondo ma che, come abbiamo notato, si diversifica rispetto al utilizzo di questi nei vari stati. Nella prima parte di questa indagine abbiamo scoperto quali social in Italia vengono preferiti, quali vengono maggiormente utilizzati dai più giovani, quali utilizzati dopo i famosi "anta", quelli che non ci hanno soddisfatto, quelli di cui quasi subito cancelliamo il profilo o ci disiscriviamo e quali utilizzano saltuariamente, in caso di urgenza oserei dire.                                                                                                                      
Le domande e le risposte di BlogMeter però non terminano qui, anzi con il primo articolo siamo arrivati appena  a metà strada. Infatti, dopo aver  compreso quali sono i social che hanno maggiormente reso insoddisfatti gli italiani segue una domanda ben precisa. Quali sono le vere ragioni per cui gli italiani usano i social? Le risposte, anche in questo caso sono state varie. La prima motivazione è stata la curiosità e l'interesse ( per circa il 21% dei partecipanti), per il 17% i social rappresentano un mezzo per la creazione di nuove conoscenze, il 14% li utilizza semplicemente per svago, il 13% per condividere informazioni e leggere recensioni, il 6% lo considera un mezzo per trovare lavoro ed infine il 4% crede sia inevitabile iscriversi ad un social con i tempi che corrono. Ha seguito la domanda " qual'è il social migliore per diversi scopi. Oviamente la risposta che ha dominato è stata "Facebook", ma sono seguite una serie di risposte che definiscono scopi settoriali per ciascun social, ad esempio Youtube è stato abbinato al divertimento\ intrattenimento, TripAdvisor alle recensioni e  Instagram alla moda e alle tendenze del momento. Dato importante è sicuramente il seguente. Nonostante il largo utilizzo dei social, gli over 35 considerano ancora la tv uno svago significativo della giornata e vedono Facebook e i social meno affidabili dal punto di vista delle informazioni, preferendo per questa ragione le telecomunicazioni e le stampe. Ciò smoterebbe completamente la tesi delle fake news: in Italia a quanto pare non siamo creduloni. E' però anche vero che talvolta sono proprio i mezzi informativi tradizionali ad attingere dal grande pentolone dei social, rendendosi loro stessi vittime delle fake news.
Come sappiamo, social è anche sinonimo di pubblicità e di conseguenza di acquisti online. Il 33% degli intervistati tra i 25 e 44 anni ritiene app e siti come Amazon, Ebay o Zalando affidabili e attendibili, solo l'11% decide di astenersi. Tra gli acquisti maggiormente effettuati troviamo oggetti appartenenti alla categoria elettronica e informatica (69%), seguiti dall'abbigliamento (65%), i viaggi (60%) ed infine i libri (51%).
 Infine, BlogMeter si è rivolta al mondo delle celebrità e degli influencer. Gli intervistati ritengono di fidarsi di più di cantanti, giornalisti e scrittori, mentre sembrano fidarsi meno di politici e modelle. I musicisti e i personaggi della tv sono maggiormente seguiti ( 33%), mentre giornalisti e politici sono seguiti solo dall'11%. I personaggi più seguiti, secondo il sondaggio, sono Belen, Vasco Rossi, Gianni Morandi, Valentino Rossi ed Eros Ramazzotti. 
Con questo bizzarro elenco concludo qui, vi ricordo che il prossimo appuntamento sarà sabato per augurare a tutti un buon weekend.


Sempre Vostra, Storyteller.

Commenti