giovedì 16 maggio 2019

SPECIALE I FATTI DI CRONACA: Imperialismo e colonialismo. Una discussione tra passato e presente. Parte III (16 maggio 2019).


Buonasera cari Lettori! Siamo arrivati all'ultimo dei tre articoli che ci hanno accompagnato tra i meandri della storia, alla ricerca di notizie e chiarimenti sulla genesi dell’imperialismo e del colonialismo. Due fenomeni che, come ho detto più volte, hanno contribuito in modo determinante all'edificazione della società e del mondo come oggi lo conosciamo.
Ciò che andrete a leggere sarà una semplice elencazione di teorie e ipotesi che meglio possono aiutarci nella comprensione dei due fenomeni sopra indicati. Ma non intendo procedere oltre con le premesse.
Nella sua accezione originaria, il termine imperialismo indica il dominio più o meno illimitato di un monarca o una potenza cesarea su un vasto impero, il quale ha un’estensione ben superiore a uno Stato etnicamente e nazionalmente unitario. Tuttavia, è doverosa una precisazione: molto spesso, studiando la storia medievale, si incontrano concetti come "monarca", "sovrano" e "imperatore" e risulta utile capire qual è il plusvalore che distingue l’uno dall'altro, in generale si può dire che, stando alla concezione medievale, il sovrano poteva fregiarsi del titolo di imperatore solo nel caso in cui esercitava un dominio su più di un regno. In quest’ottica non ci si stupisce del fatto che quello di Napoleone fu definito un impero, allo stesso modo del Sacro Romano Impero Germanico. Da questi esempi si può facilmente intuire che, almeno per tutta la storia medievale, il prototipo ideale di
impero, cui tutti si ispiravano, era quello costruito secoli prima dai romani.
Il concetto acquisì poi il suo significato moderno in connessione con la politica promossa da B. Disraeli alla fine degli anni settanta del secolo scorso. Egli infatti si professò enfaticamente sostenitore di una politica di consolidamento dell’Impero Britannico. Una linea d’azione diametralmente opposta rispetto alle forze liberali, le quali promuovevano, invece, una politica di liquidazione dell’Impero. "Imperialistica", fu così che l’opposizione qualificò la politica di Disraeli, poiché inconciliabile con le tradizioni politiche britanniche.
Fu proprio in seguito a questi eventi che il concetto di imperialismo entrò a far parte del linguaggio politico inglese, per poter indicare tutti quei governi caratterizzati da una forte vena di autoritarismo.
Nel corso del tempo sono state formulate numerose teorie circa la matrice ideologica alla base dell’imperialismo. Ad esempio, Hegel affermava che il fenomeno del colonialismo (e implicitamente anche dell’imperialismo) era fortemente connesso  con la nascita della società industriale, in cui i bisogni della popolazione crescono sempre di più e la ricerca di materie prime diventa una delle maggiori necessità per poter garantire la sopravvivenza dell’economia nazionale. Diversamente, Marx ne parlava come di una fase necessaria di evoluzione dell’economia capitalista. Non meno importante fu la teoria di Hobson secondo cui la spinta imperialista e colonialista fu uno stratagemma delle grandi famiglie borghesi per ampliare a dismisura le proprie ricchezze.
L’elenco potrebbe continuare ancora per molto, tuttavia ciò che mi premeva era darvi un’infarinatura generale dell’argomento, in modo da condurvi a delle riflessioni sul nostro passato, sulla nostra storia e soprattutto sul nostro presente. Spero di essere stata il più chiara possibile nello spiegazione dell’argomento, per qualsiasi chiarimento potete contattarmi al mio indirizzo di posta elettronica eleonora21113zizzi@gmail.com, oppure semplicemente scrivermi un messaggio sulla vostra piattaforma social di condivisione.
Sarei anche curiosa di conoscere l’opinione che avete maturato sull'argomento, lasciate pertanto commenti qui sotto a vostro piacere. Vi auguro un buon prosieguo di serata, a presto!

Sempre Vostra, Storyteller.


1 commento:

  1. Mi risulta difficile fare un commento,perché non so cosa commentare.

    RispondiElimina

LIBERO PENSIERO: UN PICCOLO SFOGO, PER VOI E PER ME. (9 novembre 2019)

Buongiorno Lettori! Oggi come premesso nei giorni precedenti, ma anche per diletto personale, pubblico nuovamente un articolo di LIBERO P...