martedì 14 maggio 2019

LIBERO PENSIERO: LA GIORNATA MONDIALE DEL TUMORE OVARICO (14 maggio 2019)

Buonasera Lettori! L'articolo che doveva essere pubblicato ieri ha sede questa sera, ma nonostante tutti gli imprevisti del caso ci tengo molto, e ho desiderio che l'argomento venga approfondito nel migliore dei modi. Non so se ne ho parlato in questo blog o in quelli precedenti. Nella vita ho perso una persona a me molto cara a causa di un tumore, allo stomaco per la precisione e da allora, forse perchè ci tenevo particolarmente e ci tengo tutt'ora, forse perchè eravamo entrambi poco più che bambini, sono rimasta fortemente sensibilizzata. Da allora mi capitano quei momenti in cui penso al male che questa "bestia infame" possa creare a chi l'ha porta con sè e a chi sta vicino a queste persone. Proprio questa la ragione sono fortemente segnata e carica di un impulso irrefrenabile di rendere maggiormente sensibile chiunque sia intorno a me, per tutti coloro che per loro fortuna non hanno vissuto da vicino tutto questo. Oggi mi si propone la possibilità di agire con ciò che è mio potere fare, ovvero parlarne, scriverne articoli, affinché il messaggio possa essere veicolato e diffuso. Dunque facciamo chiarezza:
in cosa consiste quest giornata? Vi considero tutti a conoscenza di cosa sia il tumore ovarico e perciò darò per scontato questa parte più rigorosa e accademica. Ma una cosa la voglio dire: più di altre forme tumorali, quella ovarica ha un modo di agire silenzioso, si manifesta quasi in modo subdolo, motivo per cui è uno dei carcinoma più difficili da diagnosticare e di conseguenza da cui guarire. Proprio per questa ragione si è deciso di dichiarare una giornata all'insegna della sensibilizzazione verso questo male a livello mondiale (infatti il nome originale è in inglese,"World Ovarian Cancer Day). Questa ricorrenza o meglio realtà, cade il giorno 8 maggio ogni anno. La definisco realtà perchè non si tratta di una semplice istituzione, di un giorno da ricordare. In occasione della giornata oltre 130 associazioni di pazienti in 50 paesi ogni anno si incontrano grazie alla World Ovarian Cancer Coalition e tutti insieme discutono dell'argomento per aumentare la consapevolezza e l'informazione intorno a questo male condiviso da molte donne. Inoltre il tumore ovarico è una delle maggiori cause di morte per le donne di età compresa tra i 50 e i 69 anni. Il peggio in tutto ciò probabilmente è il fatto che non esistono cure significative alla malattia e nemmeno strumenti preventivi e test di screening per la diagnosi precoce. L' unica cosa in cui io stessa ripongo la mia speranza è la ricerca e il potere di queste organizzazioni e giornate di sensibilizzazione, allo scopo di diffondere il pericolo che nuoce ogni forma tumorale e si tenti la soluzione in una cura. Con queste  parole chiudo, dandovi appuntamento a domani per il post ordinario e per l'appuntamento serale.

Sempre Vostra, Storyteller.

Nessun commento:

Posta un commento

PAGAMENTI SEMPLIFICATI

POST ORDINARIO: SPECIALE SEGNALAZIONE " DIPTHYCHA" (21 maggio 2019)

Buon pomeriggio Lettori! La mia parte in questo caso sarà particolarmente breve per mettere in evidenza  il valore e l'importanza del ...