martedì 23 aprile 2019

SPECIALE "I FATTI DI CRONACA": SULLA QUESTIONE INCENDIO DI NOTRE DAME. (23 aprile 2019)



Buonasera Lettori! L'articolo di questa sera è uno speciale della rubrica "I FATTI DI CRONACA", per ovvie ragioni fuori dal programma degli appuntamenti fissi. Parleremo di un fatto che ha visto coinvolta non solo la capitale francese, ma tutta Europa dal punto di vista emotivo: l'incendio della cattedrale di Notre Dame. L'accaduto ha riscontrato molto scompiglio anche sui notiziari italiani e sui social, al punto tale che ho deciso io stessa di approfondire il tema, lasciando passare qualche giorno dal caos mediatico e discutendo l'argomento con la dedizione e la serenità che è solita regnare nel blog. La mia è indubbiamente una scelta controcorrente, ma penso risulta migliore, soprattutto tenendo conto del modo di discutere i vari argomenti nel blog, ovvero con profonda riflessione. Se l'articolo fosse uscito nei giorni immediatamente successivi all'accaduto, la nostra riflessione sarebbe stata ostacolata da una serie di articoli pubblicati sul web, dalle opinioni tra loro decisamente discordanti,  e ciò avrebbe fuorviato il lettore dall'obiettivo principe della stessa lettura. Ma ora iniziamo a raccontare quanto è accaduto. Per i pochi di voi che ancora non ne sono al corrente, dato la portata delle news, si parla di un incendio devastante, che vede vittima proprio l'imponente cattedrale parigina. Le fiamme hanno origine a partire dalle impalcature lignee, poste lungo il perimetro dell'edificio, causa lavori di restauro, e in breve tempo una colonna di fumo emerge dalla parte superiore. L'ultima messa viene celebrata alle h. 19.00 di lunedì, giorno dell'accaduto. I fedeli presenti al rito religioso, affermano che intorno alle h. 20.00 il tetto viene avvolto dal fuoco e dal fumo, fino a crollare insieme alla guglia. Nonostante ciò, molti sono stati gli immediati interventi dei pompieri, allo scopo principale di arginare quanto più possibile le fiamme, affinché causassero il minor danno possibile. Interrogato il comandante generale dei vigili del fuoco di Parigi, Jean-Claude Gallet,  racconta come le squadre siano riuscite a salvare i campanili della struttura e a raffreddarla con la massima attenzione, al fine non procurare maggiori danni architettonici. Gabriel Plus, portavoce della polizia, intorno alle 4 del mattino, si è preso la responsabilità di rassicurare i parigini e l'Europa intera, affermando che l'incendio era totalmente sotto controllo. L'indagine viene quindi aperta dalla Procura di Parigi per decretare la natura dell'accaduto. Dopo scrupolosi controlli del caso viene escluso il movente criminale, l'atto vandalico o peggio terroristico, particolarmente temuto, e ci si concentra sulla causa dell'incendio. Tutt'ora le indagini sono in corso. Questo è il fatto, ma da ciò ne risultano numerose conseguenze, ad esempio l'intervento di Macron, le reazioni molto poco pacifiche dei gilet gialli, il Papa invitato a presenziare nella capitale francese, le satire quasi obbligate in queste circostante di Charlie Hebdo, insomma un grande melting- pot di notizie che bombardano le testate giornalistiche italiane, che credo diano luogo ad un'altrettanta confusione di opinioni in merito. Vi sono posizioni totalmente opposte: da una parte tutta una serie di persone affrante dall'accaduto, che vedono Notre Dame come uno dei simboli dell'Europa, a rappresentanza del suo patrimonio architettonico, altri che si sono serviti dell'incendio per approfondire l'esigenza di concentrarsi sulle nostre tragedie, escludendo ogni pensiero empatico di vicinanza nei confronti dei parigini. Probabilmente la verità civile ed etica, sta nel mezzo. Non si possono dimenticare i drammi dell'Italia, ma nemmeno servirsi di ciò come pretesto per escludere dai nostri pensieri le tragedie altrui. Il discorso è sicuramente ampio e questo articolo ha il solo scopo di introdurre la tematica. Ho infatti intenzione di approfondire ulteriormente la questione e di parlarvene in un prossimo articolo. Ad ora vi saluto, augurandovi la buona notte.

Sempre Vostra, Storyteller.

4 commenti:

  1. Grazie Eleonora, nemmeno in Francia hanno postato conclusioni simili. Aspettiamo versione ufficiale. Grazie per la tua imparzialita'.

    RispondiElimina
  2. Nuovo commento di Gian Guido Grassi.😊

    "Meno male che hanno appurato almeno che non si tratta di terroristi.
    Rimane comunque una tragedia insensata!"

    Ringrazio.😊

    RispondiElimina
  3. anche se in generale non amo molto i francesi, non nutro empatia verso questo popolo, l'incendio di Notre Dame mi ha colpito profondamente. E' un luogo simbolo di tutta l'umanità, non solo religioso ma anche artistico, che ha valicato i secoli entrando nel nostro immaginario collettivo.

    RispondiElimina
  4. Andando per esclusione, penso che il cortocircuito che poi ha originato l'incendio sia stato causato da cattiva manutenzione o negligenza; in ogni caso si tratta sempre di un grave danno a un patrimonio artistico dell'umanità.

    RispondiElimina

EMPATIA: STORIA DI ITALO SVEVO (21 settembre 2019)

Buonasera Lettori! Anche con questo nuovo articolo decido di creare un appuntamento serale, perchè credo che più di altre, la rubrica EMPA...