lunedì 25 marzo 2019

POST ORDINARIO: A TU PER TU CON LA MIA FAMIGLIA DEL WEB (25 marzo 2019)

Buonasera Lettori! Mi sono giusto ritagliata un paio d'ore questa sera per dedicarmi alla meravigliosa e raccolta famiglia che per me rappresentate, fatta di gesti semplici e pieni di riconoscimento per il tempo che quotidianamente dedico a questo blog. Continuate a essere presenti, per quanto potete, a comunicarmi il vostro pensiero, la vostra opinione e soprattutto le emozioni che ciò che scrivo vi comunicano, fossero anche rabbia o tristezza. In questo post ci facciamo una bella chiacchierata, sì, un pò come quelle che le vecchiette di paese consumano nel parchetto di fronte al municipio,
osservando il frenetico turbinio di gente che passa sotto i loro occhi vigili. Loro danno in quei momenti un freno al tempo, tutto si ferma e ciò consente loro di essere se stesse, nella loro veste
migliore. Io quando scrivo questi articoli mi sento un pò come loro, seppur più giovane, colei che si
ferma e osserva tutto quello che cade sotto i suoi occhi e lo condivide con voi. Mi capita spesso durante la giornata di fare qualcosa che probabilmente succede a molti: prendo il telefono e cerco senza una meta precisa qualcosa su internet o semplicemente sui social, al fine di trovare quella cosa che stuzzica la mia sete di conoscenza e di curiosità. E spesso la mia ricerca porta i suoi frutti. Si tratta di articoli, messaggi, a cui probabilmente la maggior parte della gente farebbe volentieri a meno. Sono informazioni che scorrono, ma non si fermano, non attirano attenzioni, se non molto generiche. Ma per me è diverso,vengo a conoscenza di fatti, eventi e citazioni, che mi suscitano sempre emozioni contrastanti. Ad esempio parallela alla Giornata Mondiale della Poesia, che credo abbiamo ampiamente festeggiato, ve ne è un'altra, altrettanto importante. Il 21 marzo è stata la anche la Giornata Mondiale della Sindrome di Down. Ogni anno l'Assemblea delle Nazioni Unite, sin dal 2011, si impegna ad organizzare la tematica della giornata, con una ricorrenza precisa ogni primo giorno di primavera. Quest'anno il tema è stato "Leave no one behind", ovvero non lasciare nessuno indietro. A dimostrazione del tema della giornata, ho avuto il piacere di vedere un bellissimo video della pagina Facebook di Freeda, da sempre una grandissima testimonianza della forza femminile per ciò che è concerne il lavoro o le ideologie. Ospite della video-intervista in questione una ragazza straordinaria, anch'essa blogger come me, ma anche bibliotecaria in una scuola elementare ed esperta in fotografia, conosciuta come Naila, non so se avete avuto già modo di conoscere qualcosa di lei. Di certo le sue parole mi hanno emozionato, mi hanno dato una spinta ed una propensione a migliorarmi, ad essere sempre forte ed ottimista come lei. Sa di essere nata con questa sindrome, ma non rappresenta un limite, piuttosto un incentivo a dimostrare di valere quanto chiunque altro. Dal mio modesto punto di vista, l'ha ampiamente dimostrato. Voglio comunque insistere e farvi vedere il video, perché ne vale la pena, cliccando qui VIDEO INTERVISTA DI NAILA. Spero che questo momento di dialogo sia stato apprezzato, mi raccomando fatemi sapere la vostra opinione in merito al tema della Sindrome di Down. L'appuntamento come sempre è quotidiano, tornando ovviamente domani.
Un forte abbraccio a tutti.

Sempre Vostra, Storyteller.

1 commento:

  1. Un nuovo commento sincero di un utente Linkedin💜🦋

    " Appena letto l'articolo e guardato l'intervista...Grazie Eleonora...la diversita',quel che penso...e'per le grandi menti
    ...un sorriso ai grandi amori... poiche'anche in amore,penso.
    Un orizzonte...soir".🌟🌟

    Un grazie sentito.💜💜

    RispondiElimina

LIBERO PENSIERO: UN PICCOLO SFOGO, PER VOI E PER ME. (9 novembre 2019)

Buongiorno Lettori! Oggi come premesso nei giorni precedenti, ma anche per diletto personale, pubblico nuovamente un articolo di LIBERO P...